Alfabetizzazione informatica

 

Privacy Policy

 

Scuola Media Statale "Giovanni XXIII" 

Pietramelara

http://smspietramelara.altervista.org   Privacy

ALFABETIZZAZIONE
INFORMATICA
con elementi di videoscrittura e foglio elettronico

INDICE

1. ELEMENTI DI BASE

1.1. Il Personal Computer
1.2. Interfaccia Windows
1.3. Periferiche di ingresso
1.4. Gestione delle finestre
1.5. Gestione delle cartelle
1.6. Reti
1.7. Paint
2. INTRODUZIONE ALL'USO DI UN EDITORE DI TESTO
2.1. Avvio programma word
2.2. La finestra di word
2.3. Creare un nuovo documento
2.4. Unità di memoria
2.5. Memorizzare un documento
2.6. Chiudere un documento
2.7. Aprire un documento
2.8. Stampare un documento
3. FORMATTAZIONE DEL TESTO
3.1. Selezionare
3.2. Cancellare
3.3. Modificare caratteri
3.4. Modificare paragrafi
3.5. Bordi e sfondi
3.6. Elenchi puntati e numerati
4. REVISIONI DEL TESTO (1)
4.1. Taglia Copia Incolla
4.2. Drag and Drop
4.3. Annullare/Ripristinare un'operazione
4.4. Inserimento simboli
4.5. Inserimento di immagini e clipart
4.6. Dimensionare e posizionare l'immagine di clipart
4.7. Scritte WordArt
5. REVISIONI DEL TESTO (2)
5.1. Copia da file (menù finestra)
5.2. Casella di testo
5.3. Intestazione e piè di pagina
5.4. Numerazione delle pagine
5.5. Controllo ortografico
 6. TABELLE E COLONNE
6.1. Tabelle
6.2. Colonne
  7. ELEMENTI DI EXCEL

  8. ELEMENTI DI ACCESS

  8 a . LABORATORIO DI ACCESS pdf

  9. WINDOWS Panoramiche

10. WORD di Giuseppe Auletta

11. ESERCITAZIONE FINALE

12. APPROFONDIMENTI

13. IL SISTEMA OPERATIVO

14. PC FACILE EXTRA

15. WEB E IPERTESTI

16. POWERPOINT

17. E - COMMERCE

18. FOTORITOCCO

19. RETI INFORMATICHE

20. OUTLOOK EXPRESS

21. CORSO DI FOTOGRAFIA

22. SICUREZZA E MANUTENZIONE

23. UNITA' DI MISURA

24. OFFICE 2007

25. OPEN OFFICE SUN

26. WINDOWS VISTA

27. EXTRA: FREE SOFTWARE

28. WINDOWS  7

29. RACCOLTA  ARTICOLI

30. WINDOWS  8

31. WINDOWS 10

32. OFFICE ON LINE 

33. OFFICE 365

 

Excel Windows 98 Word Access Windows XP PC Facile Extra

 

1. ELEMENTI DI BASE

1.1. Il Personal Computer

L’informatica (fusione delle due parole informazione e automatica) è la scienza che studia l’elaborazione automatica delle informazioni. I calcolatori sono costituiti da due componenti fondamentali: l’hardware e il software.

Hardware

L’hardware è costituito dalle componenti fisiche, elettroniche o meccaniche del computer (l’hardware è tutto ciò che si può vedere e toccare). I componenti principali di un Personal Computer sono:
l’unità centrale che racchiude le componenti indispensabili per il funzionamento del P.C. (case o cabinet), all’interno è contenuta la CPU che si occupa dell’elaborazione vera e propria dei dati, delle operazioni di calcolo e del controllo;
le periferiche che sono tutti i componenti al di fuori dell’unità centrale e si dividono in:
periferiche di ingresso (INPUT) per l’inserimento di informazioni nel computer (tastiera, mouse, scanner…);
periferiche di uscita (OUTPUT) per l’emissione di informazioni dal computer verso l’utente (monitor, casse, stampante…).

Software

Il software è la "mente" del computer, è tutto ciò che viene elaborato e utilizzato dal computer per eseguire determinate funzioni, ed è costituito da tutti quei comandi e programmi che indicano all’hardware come eseguire le operazioni richieste.
Tra i vari software possiamo distinguere: i sistemi operativi, i programmi applicativi e quelli di utilità.
Il sistema operativo è il software di base che viene avviato automaticamente all’accensione della macchina e che le consente di acquisire le funzionalità indispensabili per poter interagire con l’utente (es: Windows).
Il software applicativo è il programma che permette all’utente di eseguire specifici compiti (es: elaboratore di testo, foglio di calcolo, videogiochi, ecc.).
I programmi di utilità sono programmi, a volte anche molto piccoli, che svolgono un utilissimo ruolo, quello di facilitare certe operazioni (es: vedere l’anteprima delle immagini, comprimere dati, la calcolatrice, ecc.).
1.2. Interfaccia Windows

Windows, è un sistema operativo a interfaccia grafica, cioè che utilizza l’uso di immagini e simboli per selezionare, aprire e chiudere file. L’interfaccia è il modo in cui l’utente e il PC si scambiano informazioni in ingresso (INPUT) e in uscita (OUTPUT). L’interfaccia grafica rende più agevole l’uso del computer anche a persone inesperte nel campo informatico.
La videata iniziale si presenta come una scrivania (desktop). È l’oggetto principale con il quale l’utente lavora e su cui vengono collocati gli oggetti di utilizzo frequente rappresentati da icone ( immagini).

Nella parte bassa dello schermo appare la barra delle applicazioni, che è uno strumento contenente icone e descrizioni dei programmi attivi ed altri indicatori (orologio, volume, ecc.). Il Pulsante Start o Avvio si trova in basso a sinistra dello schermo e serve per visualizzare un menù contenente una lista di comandi.

1.3. Periferiche di ingresso (INPUT)

Le periferiche d’ingresso, come già detto, sono quei componenti che vengono utilizzati per l’inserimento d’informazioni nel computer: il mouse e la tastiera.

Mouse

Il mouse è uno strumento che serve ad interagire con il video e consente di effettuare spostamenti, selezioni e disegni.  Generalmente ha l’aspetto di una freccia, ma cambia a seconda del contesto. Il mouse è formato, di solito, da due tasti (tasto sx– tasto dx) e ad ogni tasto corrispondono delle funzioni.

Le operazioni che si possono eseguire con un mouse sono: puntare, fare clic, fare doppio clic e trascinare.
 

PUNTARE Spostare la freccia su un oggetto muovendo fisicamente il mouse.
FARE CLIC CON IL TASTO SX  Serve per selezionare un oggetto, una parola o un’immagine.
FARE CLIC CON IL TASTO DX Serve ad aprire una lista di comandi (menù di scelta rapida) relativa al documento o al programma.
FARE DOPPIO CLIC CON IL TASTO SX Serve per aprire un programma o aprire un documento.
TRASCINARE Serve per spostare un oggetto o una parola in un’altra posizione. Il trascinamento avviene puntando l’oggetto, cliccando su tasto sx, spostando il mouse tenendo premuto il tasto sx. 

Tastiera

La tastiera è una periferica di Input perché consente l’immissione di istruzioni a dati numerici e letterali destinati all’unità centrale.
Nella versione standard è dotata di 102 tasti divisi nelle seguenti zone:

  1. Alfanumerica, è la zona che contiene lettere, numeri e simboli grafici.
  2. Tasti funzione, hanno funzioni diverse a seconda del programma per il quale vengono utilizzati.
  3. Tastiera numerica, contiene tasti con doppia funzione definita dal tasto di commutazione Bloc Num.
  4. Tasti direzionali, vengono utilizzati per muoversi all’interno dell’area di lavoro.
  5. Tasti supplementari, sono rappresentati da tasti che consentono movimenti più rapidi all’interno del documento (Pag su, Pag giù, ecc.), la correzione del testo (Canc, Backspace ), la stampa di quanto appare a Video (Stamp).
Uso di alcuni tasti
 
INVIO: consente l’invio alla CPU dell’informazione digitata; in fase di scrittura sposta il cursore alla riga successiva.
SHIFT/MAIUSC: è il tasto di scambio per ottenere il maiuscolo o il carattere  e il simbolo grafico superiore, quando il tasto presenta due caratteri o simboli.
BACKSPACE: cancella l’ultimo carattere digitato.
ESCAPE: è tasto di uscita da una certa situazione.
CAPS LOCK (FISSA MAIUSCOLE): abilita  permanentemente la scrittura di lettere maiuscole, ma agisce solo sulla parte alfabetica della tastiera; per gli altri segni si usa lo shift.
ALTERNATE : oltre a svolgere le funzioni del tasto alt, serve per digitare il terzo carattere con i tasti che lo prevedono (@  #  [ ).
ALTERNATE: è un tasto che svolge funzioni particolari che si ottengono tenendo premuto mentre si digita il tasto specificato.  Esempio: Alt+0200 corrisponde  al simbolo È.
CONTROL: normalmente abbinato ad un altro tasto può rappresentare un comando.

1.4. Gestione delle Finestre

Facendo doppio clic su di un oggetto (icona) si apre una finestra chiamata "finestra pricipale". Esempio di "finestra tipo":

Menù di controllo: facendo clic su di esso, si apre un menù con i comandi per spostare la finestra, variarne le dimensioni, ridurre ad icona e fare il cammino inverso, ingrandirla e chiudere la finestra.
Barra del titolo: contiene i dati del programma e/o del documento corrente aperto.
Riduzione a icona: facendo clic con il mouse la finestra viene spostata dal desktop alla Barra delle applicazioni.
Ingrandimento: facendo clic con il mouse modifica le dimensioni della finestra attiva.
Chiusura della finestra: facendo clic con il mouse si chiude la finestra corrente.
Barra dei menù: contiene l’elenco dei menù disponibili per lavorare con quella determinata finestra. Facendo clic su uno dei nomi si apre un menù a discesa nel quale sono elencate le azioni possibili in quel momento (finestra di dialogo).
Barra di stato: vengono riportate informazioni relative al documento sul quale si sta lavorando.
Area di lavoro: è la parte centrale destinata a contenere testo, disegni e grafici.
Barra degli strumenti: contiene una serie di pulsanti e di caselle di testo a discesa che permettono di eseguire comandi in modo diretto (Stampa, Salva, Taglia e Incolla, ecc.).
Barra di scorrimento: cliccando con il mouse sulla barra si potrà visualizzare la parte della finestra non visibile.
Windows è un sistema operativo grafico a finestre e multitasking (ossia con la capacità di eseguire più programmi insieme), spesso vengono aperte più finestre (applicazioni) insieme per poter svolgere un determinato lavoro. Per passare da una applicazione all ’altra ci sono diverse strade:
agire sulle singole finestre (bisogna ridurre a icona la finestra attiva e ingrandire quella che si intende utilizzare);
utilizzando i tasti ALT+TAB si avrà la possibilità di vedere le applicazioni aperte ed optare per una scelta lasciando il tasto TAB.
1.5. Gestione delle Cartelle

"Una cartella è un cartoncino che si tiene in ufficio o a casa per contenere documenti. Al suo interno si possono inserire altre cartelle, per avere una migliore organizzazione. Più chiara è l’organizzazione più semplice è trovare i documenti nel momento in cui se ne avràbisogno". (ECDL, Concetti di base Gestione dei file, Apogeo, 2000).

Creazione di una cartella sul DESKTOP

Posizionarsi sul Desktop e cliccare il tasto Destro. Comparirà un menù:

Da questo menù sceglieremo "Nuovo". Comparirà un "sottomenù":

Selezionare "Cartella" e cliccare con il tasto sinistro. Comparirà sul desktop una cartella con scritto "Nuova cartella":

La scritta blu è attiva vale a dire che potremo assegnare un nome da noi scelto:
A questo punto la nuova cartella è stata creata.

1.6. Reti

Due o più computer collegati fisicamente tra loro costituiscono una rete e possono quindi interagire reciprocamente in modo da scambiare informazioni. Esistono diversi tipi di rete: le principali, più utilizzate e conosciute sono INTERNET, rete globale altamente strutturata e le LAN (local area network), rete locale e localizzata fisicamente a uno o più locali attigui. Ogni macchina (computer) inserita in rete possiede un nome, che la identifica, e un’area di lavoro locale a cui appartengono più macchine.

Gli elaboratori possono essere, ma non obbligatoriamente, client o server. Il server, solitamente una macchina abbastanza "potente", ha diversi importanti compiti tra i quali:
gestire le richieste dei client;
stabilire, in base alle direttive dell’amministratore di rete, i controlli di accesso delle risorse condivise.
La rete nasce dall'esigenza di:
condividere le risorse hardware (stampanti, cd-rom, masterizzatore, hardware vario);
condividere le risorse software (cartelle, files, applicativi).
L'Organizzazione di una rete (fisica e logica) è resa possibile dalle seguenti dotazioni :
scheda di rete e cablaggio;
software di rete (Windows 98, Windows NT).
L'accesso alla rete si effettua dall'icona corrispondente (Risorse di rete). Vengono ora visualizzate le postazioni (PC) che sono "iscritte" alla rete. Cliccando su un elaboratore presente è possibile accedere alle risorse che quella macchina mette a disposizione (stampante, files, cartelle, ecc.).

NOTA: È possibile che, in base al login di accesso al momento dell'accensione, alcune risorse non siano accessibili su specifica disposizione dell'amministratore di rete.

Per poter salvare un file da un applicativo (es. Word) in una cartella appartente ad un computer in rete occorre selezionare, nella finestra di salvataggio, "salva in: risorse di rete" e selezionare la postazione e la cartella desiderata.

1.7. Paint

Paint è un programma di grafica per creare semplici immagini in formato .bmp (Bitmap) ed è incluso nel pacchetto di utility fornito con Windows. Si avvia cone le sequnza: Start => Programmi => Accessori => Paint. Con Paint possiamo creare disegni fantasiosi e ricchi di colore con estrema facilità, dispone infatti di un insieme di strumenti che consentono di creare figure di vario genere e di modificarle, una tavolozza di 28 colori (che è possibile anche modificare).

Casella degli strumenti

Per attivare i pulsanti della casella degli strumenti basta cliccarvi sopra, questi rimarranno funzionali fino a che non se ne attiva un altro. In ordine elenchiamo le funzioni dei tasti che ha a disposizione la casella degli strumenti:
Seleziona parte: Consente di selezionare un’area ben delineata del grafico; per effettuare la selezione bisogna portarsi all’estremità dell’area e, tenendo premuto il pulsante del mouse, delinearne i contorni; rilasciando il pulsante del mouse apparirà attorno alla zona selezionata una linea tratteggiata.
Seleziona: Seleziona un’area rettangolare (o quadrata) del grafico; portandoci in uno degli angoli dell’oggetto, clicchiamo sul pulsante del mouse e senza lasciarlo trasciniamo nella direzione dell’angolo opposto; rilasciando il pulsante vedremo l’area tratteggiata che delimita la selezione.
Cancella/Cancella colore: Si comporta come una vera gomma, cancellando la parte di figura dove viene passata; possiamo scegliere fra quattro dimensioni di gomma. Oppure possiamo utilizzarla per cancellare un determinato singolo colore da un’immagine multicolore.
Riempi: Permette di sostituire uniformemente il colore di un’area: dopo aver scelto il colore da utilizzare ci portiamo col mouse sulla zona da colorare e vi clicchiamo sopra.
Preleva colore Consente di utilizzare un colore già esistente nella figura per colorare altre zone.
Ingrandisci Cliccando su questo pulsante e scegliendo su una delle opzioni proposte otterremo l’ingrandimento del grafico; possiamo anche scegliere la zona da ingrandire, posizionando il rettangolo che apparirà al momento del click sul pulsante.
Matita Con questo strumento possiamo tracciare linee come se stessimo disegnando a mano libera.
Pennello Mette a disposizione diverse punte da utilizzare con gli strumenti di disegno.
Aerografo: Disegna spruzzi di vernice che possono essere più o meno ampi.
Testo Permette di inserire del testo all’interno dell’immagine e di sceglierne le caratteristiche di formattazione quali dimensioni e tipo di font.
Linea Consente di tracciare delle linee rette di diverso spessore; cliccando sul punto d’inizio della linea si trascina fino a definirne la lunghezza e la traiettoria, quindi si rilascia il pulsante.
Curva: Consente di tracciare delle linee curve di diverso spessore; dopo aver definito una linea retta, cliccando e muovendo il mouse è possibile modellarla facendole assumere un aspetto curvo.
Rettangolo, Ellisse, Rettangolo arrotondato: Tracciano rispettivamente una forma rettangolare, ellittica e rettangolare con gli angoli arrotondati; portandosi sul grafico basta cliccare e trascinare diagonalmente fino a raggiungere la dimensione desiderata. Se si vuole ottenere un quadrato o un cerchio perfetto tale operazione va fatta tenendo premuto il tasto Maiuscolo.
Poligono: Permette di disegnare un qualsiasi tipo di poligono tracciando una serie di linee adiacenti; con l’ausilio del tasto Maiuscolo è possibile costruire dei poligoni regolari tracciando lati che hanno un’angolazione che va di 45° in 45°.
La tavolozza dei colori

Alla sinistra della tavolozza possiamo vedere il colore di primo piano e quello di sfondo. Il colore di primo piano è quello utilizzato dai vari strumenti di disegno per tracciare linee e bordi; per cambiarlo basta fare clic su uno di quelli a disposizione nella tavolozza. Il colore di sfondo serve per il cancellino e per riempire l’area dei poligoni.
Della vasta gamma di colori che possiamo utilizzare solo 24 vengono visualizzati. Per accedere agli altri possiamo utilizzare il menù Opzioni e dare il comando Modifica colori: accederemo all’omonima finestra che ci proporrà una gamma di 48 colori fra cui sceglierne uno per sostituire quello in uso. È inoltre possibile creare colori personalizzati.

Lavorare con le selezioni

La funzione delle selezioni è quella di poter lavorare con una parte dell’immagine spostandola, copiandola, ridimensionandola e variandone forma e attributi secondo gli strumenti che offre la barra dei menù.
Possiamo selezionare solo una parte dell’immagine o tutta: nel primo caso utilizziamo i pulsanti della casella degli strumenti, nel secondo caso scegliamo il comando Seleziona tutto del menù Modifica.

Cancellare un’immagine

Per cancellare un grafico o parte di esso abbiamo a disposizione tre metodi:
selezionare e premere il tasto Canc;
selezionare e scegliere il comando Modifica – Cancella area selezionata;
dare il comando Cancella immagine dal menù Immagine, che risulta attivo solo quando non vi sono selezioni presenti.
Spostare, copiare e ridimensionare le immagini
Per spostare un’immagine bisogna prima di tutto selezionarla, quindi portarsi col puntatore al suo interno e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinarla a destinazione.
Se desideriamo spostare la figura selezionata in un altro disegno scegliamo i comandi Taglia e Incolla dal menù Modifica: l’immagine verrà posta in alto a sinistra nel nuovo disegno da dove possiamo trascinarla nel punto desiderato.
Per copiare un’immagine selezionata utilizziamo invece i comandi Copia e Incolla del menù Modifica; tale copia può essere ripetuta quante volte si vuole semplicemente dando nuovamente il comando Incolla.
Per cambiare le dimensioni di un’immagine è sufficiente portarsi sui quadratini che vengono visualizzati con la selezione e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinarli verso l’interno o verso l’esterno.
Nel menù Immagine troviamo anche il comando Capovolgi/Ruota tramite il quale siamo in grado di capovolgere specularmente la selezione sia orizzontalmente che verticalmente o di ruotarla di un certo numero di gradi predefinito.

2. INTRODUZIONE ALL'USO DI UN EDITOR DI TESTO

2.1. Avvio di Word

Word è un programma di videoscrittura della Microsoft, che rappresenta una potente e moderna soluzione per integrare testi e grafica, mostra il testo sul video esattamente come comparirà sulla pagina stampata (wysiwyg = ciò che vedi è ciò che ottieni) consentendo di ottenere proprio ciò che ci aspettiamo.

Per avviare il programma Word: cliccare su Avvio => Programmi => Microsoft Word.

2.2. La finestra di Word

All’avvio di Word viene visualizzato un nuovo documento vuoto. L’aspetto dello schermo sarà il seguente:

Le barre degli strumenti Standard e Formattazione consentono di creare, modificare e formattare i documenti.
Il pulsante Suggerimenti serve a visualizzare informazioni e suggerimenti sull’utilizzo di Word.
Il righello facilita l’impostazione di margini e rientri.
L’area di immissione è quella in cui si lavora con i documenti.
Il punto di inserimento mostra dove apparirà il successivo carattere immesso.
Le barre di scorrimento, come in tutti i programmi di Windows, consentono di visualizzare le parti del documento che non sono in quel momento visibili sullo schermo.
La barra di stato riporta utili informazioni sul documento, come il numero della pagina corrente, e un’indicazione per la modalità di sovrascrittura e inserimento.
2.3. Creare un nuovo documento
Digitare il testo
Se si desidera creare un secondo documento fare clic sull’icona Nuovo della barra degli strumenti Standard (oppure selezionare dal menù File la voce Nuovo)
Per passare da un documento ad un altro quando si hanno più documenti aperti contemporaneamente, selezionarlo tra quelli elencati nel menù Finestra.
2.4. Unità di memoria

Il PC è costituito da due tipi di memoria:
Memoria centrale
Memoria di massa
La memoria centrale è interna al calcolatore e serve per conservare i programmi e i dati relativi ai lavori in corso; essa utilizza due tipi di memoria:
la ROM (Read Only Memory/memoria di sola lettura) viene impiegata per memorizzare in modo permanente i programmi forniti dalla casa costruttrice dell’elaboratore (es.: il programma di caricamento o sistema operativo);
la RAM ( Random Access Memory/memoria ad accesso casuale) serve per conservare i programmi e i dati relativi al lavoro in corso; alla fine del lavoro, essendo una memoria volatile, perde tutte le informazioni.
Le memorie di massa sono dispositivi che rendono possibile la conservazione nel tempo dei dati (testi, disegni, programmi ecc.).
Le informazioni vengono memorizzate sotto forma di file. Con il termine file si indica perciò tutto quello che può essere memorizzato (testi, disegni, suoni, immagini, ecc.). I dispositivi più comuni per la memorizzazione dei dati sono:
Floppy disk (dischetti)
CD-ROM
Hard disk
2.5. Memorizzare un documento

Il salvataggio del documento su di una memoria di massa (hard disk o floppy disk) garantisce la protezione del lavoro, con la possibilità di essere ripreso successivamente per essere modificato e/o stampato.
Per salvare un documento :
fare clic su File => Salva con nome. Apparirà la seguente finestra di dialogo:

Nella casella Nome file della finestra di dialogo Salva con nome attribuire un nome al documento
Nella casella Tipo file specificare il formato di memorizzazione (può essere Word97, txt, rtf, ecc.)
Nell’elenco a discesa della casella Salva in scegliete in quale cartella memorizzare il documento
Fare clic sul pulsante Salva
Chiudere un documento e uscire da Word
2.6. Chiudere un documento

Al termine della sessione per uscire da Word:
Selezionare il pulsante Chiudi finestra in alto a destra nello schermo;
oppure selezionare File => Chiudi per chiudere il documento attivo ma continuare ad utilizzare Word;
oppure selezionare File => Esci per chiudere tutti i documenti aperti ed uscire da Word.
Se il documento è stato modificato dopo l ’ultimo salvataggio vi sarà chiesto se intendete salvare le modifiche effettuate: rispondete SI.

2.7. Aprire un documento

Se invece di iniziare un nuovo documento si desidera aprire un documento esistente:
Avviare Word;
Fare clic sull’icona Apri della barra degli strumenti Standard per visualizzare la finestra di dialogo Apri;
Oppure selezionare dal menù File la voce Apri:

Nella casella Cerca in è visualizzata la cartella attualmente aperta. Selezionare il documento da aprire. Se non è aperta la cartella in cui si trova il documento da aprire, visualizzare il contenuto della cartella desiderata per mezzo dell’elenco a discesa della casella Cerca in;
Fare doppio clic sull’icona del documento da aprire, oppure selezionare il documento da aprire e fare clic sul pulsante Apri.
2.8. Stampare un documento

Selezionare il menù File => Stampa per visualizzare la finestra di dialogo Stampa:

Se si desidera stampare solo un intervallo di stampa specificarlo nella sezione Pagine da stampare
Se si desidera stampare più copie del documento specificarlo nella sezione Copie
Se si desidera stampare con una stampante diversa da quella predefinita selezionarla nell’elenco a discesa della sezione Stampante
Se si desidera cambiare formato, tipo e alimentazione della carta e qualità stampa fare clic sul pulsante Proprietà
Per selezionare la stampa a colori o a toni di grigio e l’orientamento del foglio fare clic su Proprietà/Caratteristiche
Se nel documento sono inclusi disegni e si desidera che vengano stampati fare clic sul pulsante Opzioni e accertarsi che nella sezione Includi nel documento sia selezionata la casella Disegni
Fare clic sul pulsante OK.

3. FORMATTAZIONE DEL TESTO

3.1. Selezionare

Per selezionare del testo allo scopo di compiere su di esso delle operazioni (sostituirlo, spostarlo, cancellarlo, modificarne la formattazione) si può procedere in diversi modi, ne indichiamo alcuni:
Posizionarsi con il cursore alla sinistra della lettera/parola/frase da selezionare e "trascinare" il mouse fino alla fine della selezione desiderata.
Usare le frecce direzionali (o tasti cursore) tenendo premuto il tasto Maiusc.
Fare clic tenendo premuto Ctrl all’interno di un paragrafo per selezionarlo.
Fare doppio clic su una parola per selezionarla.
Per selezionare l’intero documento selezionare Modifica => Seleziona tutto.
3.2. Cancellare

Si può cancellare o sostituire in diversi modi, ne indichiamo alcuni:
BackSpace per cancellare il carattere a sinistra del punto di inserimento.
Canc per cancellare il carattere a destra del punto di inserimento.
Selezionare una parola o un blocco di testo e premere Canc per eliminarlo.
Selezionare una parola o un blocco di testo e digitare il testo che li deve sostituire.
3.3. Modificare caratteri

Per modificare il formato del carattere:
Selezionare il testo da modificare.
Se invece di modificare del testo già esistente si desidera solo scegliere un altro formato del carattere da applicare al testo che si deve ancora digitare, non si deve effettuare nessuna selezione (saltare il punto 1 e passare direttamente al punto 2).
Selezionare Formato => Carattere per visualizzare la finestra di dialogo Carattere.
Oppure fare clic con il tasto destro sulla selezione e scegliere la voce Carattere.

Nella finestra di dialogo Carattere modificare il tipo di carattere, lo stile, la dimensione in punti, il tipo di sottolineatura, il colore, ecc.
Premere il pulsante OK.

3.4. Modificare paragrafi

Oltre che modificare il carattere può essere necessario personalizzare le caratteristiche dei paragrafi. Per fare ciò procedere nel seguente modo:
Posizionarsi con il cursore nel paragrafo da modificare, oppure selezionare il blocco di testo costituito da più paragrafi su cui si desidera intervenire.
Selezionare la voce di menù Formato => Paragrafo per visualizzare la finestra di dialogo Paragrafo.
Oppure fare clic con il tasto destro sul paragrafo o sulla selezione e scegliere la voce Paragrafo.

Nella finestra di dialogo Paragrafo modificare allineamento, rientri, interlinea, tabulazioni. Premere il pulsante OK.

3.5. Bordi e sfondi

Si può aggiungere un bordo e/o uno sfondo ad un paragrafo, alle celle di una tabella o alle pagine. Per far questo:
Posizionare il cursore all’interno del paragrafo da modificare.

Visualizzare la barra degli strumenti Tabelle e bordi selezionando l’icona ad essa relativa nella barra degli strumenti Standard.
Fare clic sul tipo di bordo da inserire.
In alternativa al metodo precedente si può:
Posizionare il cursore all’interno del paragrafo da modificare.
Selezionare la voce di menù Bordi e sfondo. Apparirà la seguente videata:


Scegliere un modello predefinito.
Premere clic sul pulsante OK.
3.6. Elenchi puntati e numerati

Per inserire un elenco puntato o numerato:
Selezionare il menù Formato => Elenchi puntati e numerati e scegliere il tipo di elenco.
Oppure selezionare l’icona Elenco numerato o Elenco puntato nella barra degli strumenti Formattazione (in questo modo non è possibile personalizzare l’elenco, sarà attivo cioè l’ultimo simbolo utilizzato).
Oppure fare clic con il tasto destro nel punto del documento in cui si desidera inserire l’elenco (comparirà come sempre il menù).
L ’elenco resterà attivo; al termine dell’elenco selezionare l’icona relativa all’elenco nella barra degli strumenti Formattazione per disattivare la funzione.

Gli elenchi possono essere anche strutturati:
Fare clic con il tasto destro nell’elenco.
Selezionare la voce Elenchi puntati e numerati.
Visualizzare la scheda Struttura e scegliere la struttura desiderata.
Premere clic sul pulsante OK.

4. REVISIONE DEL TESTO (1)

4.1. Taglia, Copia e Incolla

Per spostare blocchi di testo (che possono comprendere anche immagini o altro) li si può:
tagliare (rimuovere un blocco di testo)
copiare (riprodurre una copia del blocco di testo senza tuttavia rimuovere il testo copiato)
incollare (inserire in un altro punto del documento il testo precedentemente tagliato o copiato)
Procedere nei seguenti modi:
 
 
Taglia
Selezionare il blocco di testo da tagliare
Fare clic sull’icona Taglia della barra degli strumenti Standard o selezionare il menù Modifica => Taglia
Copia
Selezionare il blocco di testo da copiare
Fare clic sull’icona Copia della barra degli strumenti Standard o selezionare il menù Modifica => Copia
Incolla
Selezionare il blocco di testo da incollare
Fare clic sull’icona Incolla della barra degli strumenti Standard o selezionare il menù Modifica => Incolla

4.2. Drag and drop

Le operazioni taglia, copia e incolla possono essere compiute in modo più rapido per mezzo del Drag and drop:
Se dobbiamo spostare un blocco di testo selezioniamo il blocco di testo e lo trasciniamo (tenendo premuto il tasto sinistro del mouse mentre si sposta il testo nella nuova posizione)
Se dobbiamo copiare un blocco di testo selezioniamo il blocco di testo, tenendo premuto Ctrl e lo trasciniamo (tenendo premuto il tasto sinistro del mouse mentre si sposta il testo nella nuova posizione).
4.3. Annullare/ripristinare una operazione

Nel caso si compia una operazione e si desideri annullarla per tornare alla situazione precedente, si può ricorrere alla funzione:
 
Annulla (clic sull’icona Annulla nella barra degli strumenti Standard, oppure menù Modifica => Annulla)
Ripristina (clic sull’icona Ripristina nella barra degli strumenti Standard)

Le operazioni Annulla e Ripristina possono essere ripetute più volte per annullare o ripristinare un numero di operazioni anche molto grande.

4.4. Inserimento di simboli

È possibile inserire nel testo alcuni caratteri e/o simboli non presenti in tastiera. Vediamo un esempio di inserimento di un simbolo nel documento:
Posizionare il cursore nel punto del documento in cui si desidera inserire il simbolo
Richiamare la voce di menù Inserisci => Simbolo
Selezionare il simbolo che si desidera inserire nel documento
Clic sul pulsante Inserisci

4.5. Inserimento di immagini e clipart

I documenti possono essere corredati da immagini. Queste sono di vario tipo: immagini bitmap, immagini vettoriali, immagini tipo Windows Metafile, JPEG, GIF, TIF ecc.
Un tipo di immagine utilizzata molto di frequente sono le clipart (una piccola raccolta è già contenuta nel cd-rom di Office), immagini di ogni tipo pronte all’uso che possono essere inserite nella pagina, posizionate e ridimensionate a piacere.
Vediamo un esempio di inserimento di una immagine clipart nel documento (lo stesso procedimento vale anche per gli altri tipi di immagine):
Posizionare il cursore nel punto del documento in cui si desidera inserire l’immagine (approssimativamente, in quanto sicuramente dovrà essere risistemata manualmente).
Richiamare la voce dal menù Inserisci => Immagine => Clipart.


 
 

Se nel lettore cd-rom non è inserito il cd di Office contenente una ampia raccolta di immagini, verrà ricordata all’utente la possibilità di farlo. Facendo clic su OK, si proseguirà visualizzando la piccola raccolta di immagini comunque a disposizione
Selezionare l’immagine che si desidera inserire nel documento
Clic sul pulsante Inserisci.
A questo punto l ’immagine clipart comparirà nel documento e molto probabilmente avrà bisogno di essere sistemata (dimensione, posizione, modalità di disposizione del testo intorno ad essa).

4.6. Dimensionare e posizionare l’immagine di clipart

Per dimensionare, posizionare un’immagine di clipart, e predisporre la modalità di disposizione del testo intorno ad essa, si può procedere nel seguente modo:
Fare clic sull’immagine per visualizzare le maniglie di ridimensionamento
Trascinare le maniglie di ridimensionamento per ingrandire o ridurre le dimensioni dell’immagine.


4.7. Scritte WordArt

All’interno di un documento si possono inserire titoli e scritte dall’aspetto molto particolare (ad esempio con il testo colorato, inclinato o dal profilo ondulato). Procedere nel seguente modo:
Posizionarsi nel punto del documento in cui si intende inserire la scritta in formato WordArt
Selezionare la voce di menù Inserisci => Immagine => WordArt
Scegliere uno stile e fare clic su OK
Nella scheda Modifica testo WordArt digitare il testo, eventualmente modificarne le caratteristiche (carattere, dimensione, ecc.) e fare clic su OK
Se necessario posizionare con maggiore precisione il testo nel documento facendo clic su di esso e trascinandolo
Se necessario ridimensionarlo per mezzo delle maniglie di ridimensionamento.

Quando il testo in formato WordArt è selezionato compare sullo schermo la barra degli strumenti WordArt. Questa consente di modificarne le caratteristiche.

 

5. REVISIONE DEL TESTO (2)

5.1. Copia da file (menù finestra)

Il menù finestra ci fornisce la lista dei documenti attivi (aperti); Word infatti è un programma che usando le "finestre" ci dà la possibilità di lavorare su più documenti contemporaneamente.

È possibile passare da un file ad un altro semplicemente cliccando sul nome del file desiderato. Il file in linea sarà pronto per tutte le modifiche che vorremo apportare al testo.

Esempio, se vogliamo copiare una parte di documento contenuto nel file, in un altro o altri documenti , dopo aver aperto i file sui quali si intende apportare modifiche, procedere nel seguente modo:
Selezionare attraverso il menù finestra il file dal quale si desidera copiare una parte di documento
Selezionare e copiare la parte di documento (testi, grafici, ecc.)
Passare al documento in cui si vuole copiare la parte, selezionando il nome del file sempre attraverso il menù finestra
Posizionarsi con il cursore nel punto in cui si desidera copiare e incollare la parte di documento precedentemente copiato.
5.2. Casella di testo

Lo strumento Casella di testo, presente nella barra degli strumenti Disegno, consente di aggiungere testo in qualsiasi punto della pagina (funziona come una etichetta adesiva, che si può "attaccare" e "staccare").

Le caselle di testo non vengono ridimensionate automaticamente quando viene inserito più testo di quanto la casella di testo ne possa contenere: per poter visualizzare tutto il testo è necessario ridimensionare la casella.

Se in una casella di testo si inserisce un elemento grafico, la casella viene automaticamente ridimensionata in base alle dimensioni dell’elemento grafico (da Word 97 in poi).

Per inserire la casella di testo procedere nel seguente modo:
Attivare la barra degli Strumenti Disegno e fare clic sul pulsante Casella di testo (oppure scegliere il comando Inserisci => Casella di testo)
Trascinare il puntatore del mouse per specificare le dimensioni della Casella di testo (le dimensioni possono essere modificate agendo come al solito sulle maniglie)
Digitare il testo (o inserire l’elemento grafico) nella casella di testo.
La casella di testo è inoltre anche indicata per posizionare un elemento testuale o grafico davanti o dietro il testo principale.
Per posizionare la casella contenente l’elemento testuale o grafico davanti o dietro il testo principale (Disegno => Ordine):
Selezionare la casella e fare clic su Porta davanti al testo o Porta dietro al testo:

Inoltre è possibile, sempre attraverso la barra degli strumenti Disegno, creare cornici alla casella di testo, spessori, dimensione, si può rendere l’immagine tridimensionale, inserire forme, frecce, ruotare oggetti, colorare la casella e/o il testo selezionato, ecc.

5.3. Intestazione e piè di pagina

L’intestazione e il piè di pagina sono quegli elementi del documento posti rispettivamente nella parte alta e nella parte bassa della pagina e che si ripetono su tutte le pagine (o su più pagine). In un piè di pagina si può ad esempio inserire il titolo del documento e farlo comparire automaticamente su tutte le pagine del documento stesso; nell’intestazione spesso si pone il numero di pagina o altre informazioni. Un esempio di piè di pagina è visibile nella parte bassa delle pagine di questa dispensa: esso è costituito da una riga al di sotto della quale sono visualizzate alcune informazioni sul documento .

Per inserire o modificare intestazioni e piè di pagina già esistenti:
Selezionare la voce di menù Visualizza => Intestazione e piè di pagina. Comparirà sullo schermo la barra degli strumenti
Fare clic sul pulsante Alterna intestazione/piè di pagina per scegliere se si vuole modificare l’intestazione o il piè di pagina
Se il documento è costituito da più sezioni portarsi nella sezione desiderata con i pulsanti Mostra precedente e Mostra successivo, poi:
Fare clic sui relativi pulsanti per inserire data, ora, numero di pagina, numero totale di pagine, modificare il formato del numero di pagina;
Fare clic sul pulsante Chiudi per uscire dall’intestazione e/o dal piè pagina e tornare al testo del documento.
5.4. Numerazione delle pagine

Per numerare le pagine di un documento:
Selezionare il menù Inserisci => Numeri di pagina
Specificare l’aspetto del numero di pagina nelle sezioni Posizione e Allineamento
Specificare se si desidera che il numero compaia anche sulla prima pagina (non sempre è necessario)
Eventualmente accedere alla sezione Formato (facendo clic sul relativo pulsante) per specificare ulteriori caratteristiche della numerazione delle pagine (se ad esempio si desidera numerare le pagine partendo da un numero diverso da quello proposto).

Se si intende modificare le caratteristiche della numerazione delle pagine, ciò può essere fatto accedendo al menù Visualizza => Intestazione e piè di pagina.
 
 

5.5. Controllo ortografico

Con Word possiamo eseguire una revisione ortografica del testo e ricercare sinonimi attraverso i comandi del menù Strumenti:

Il controllore ortografico del programma, attivato con il pulsante apposito sulla barra degli strumenti standard, individua le parole scorrette (o almeno a lui sconosciute) confrontandole con un dizionario; inoltre fornisce suggerimenti sui possibili sostituti della parola errata o sconosciuta.

 

6. TABELLE E COLONNE

6.1. Tabella

Se all’interno di un documento si devono organizzare informazioni disposte in modo piuttosto articolato può essere utile ricorrere alle tabelle. Con queste si possono disporre nella pagina vari tipi di elementi (parole, numeri, ma anche immagini), in modo semplice, rapido e difficilmente ottenibile in altri modi. È preferibile inserire la tabella fra due a capo in modo da avere a disposizione dello spazio prima e dopo di essa in quanto può risultare difficoltoso ottenerlo dopo che la tabella è stata creata.

Si può inserire una tabella in diversi modi:
Per mezzo della voce di menù Tabella => Inserisci tabella (in questo modo si accede ad una scheda all’interno della quale va specificato il numero di colonne e di righe).
Per mezzo della voce di menù Tabella => Disegna (in questo modo la tabella viene disegnata in modo semplice e intuitivo utilizzando una matita e una gomma, la prima per disegnare bordi e celle della tabella e la seconda per cancellare elementi da eliminare).

Una volta inserita una tabella in un documento si può presentare la necessità di modificare qualche sua caratteristica (aggiungere righe o colonne, modificare le proprietà di righe o colonne ecc.). Molte delle operazioni sulle celle, sulle righe o sulle colonne si possono effettuare solo dopo che si è effettuata una selezione. Ad esempio non si può inserire una colonna se prima non si è selezionata una colonna prima della quale inserire la nuova colonna. Per selezionare una riga ci si può posizionare al suo interno e richiamare il menù Tabella => Seleziona riga; lo stesso discorso vale anche per le colonne, le celle o per l’intera tabella. Alcuni risultati si possono ottenere in diversi modi, sia mediante i menù che per mezzo della barra degli strumenti.

6.2. Colonne

Un testo può essere impaginato su due o più colonne. Ciò può essere fatto:
Specificando il numero di colonne per mezzo dell’icona Colonne della barra degli strumenti Standard
Oppure selezionando la voce di menù Formato => Colonne e specificando il numero di colonne desiderato, se devono essere separate da una linea separatrice verticale e se il formato a colonne deve essere applicato alla sezione del documento in cui ci si trova o dal punto di inserimento in poi.
Va notato che se si specifica genericamente di impaginare il documento in colonne per mezzo dell ’icona Colonne della barra degli strumenti Standard, l’operazione avrà effetto sull’intero documento. Se si desidera invece disporre su due colonne solo una sezione del documento questa deve essere selezionataprima di eseguire il comando.

Se da un testo disposto su due colonne si vuole tornare ad una colonna, selezionare di nuovo l’icona Colonne e impostare il testo su una colonna.

 

7. ESERCITAZIONE FINALE

Per verificare le tue competenze acquisite alla fine del corso di formazione, ti proponiamo il seguente esercizio. Digita la seguente lettera:
 

Sig. Aristide Belletti
via Sforza, 34
20131 Milano
18 dicembre 2001
Oggetto: Richiesta di assunzione come assistente manutenzione giardini
Ns Rifer. N. 6512

Abbiamo esaminato la sua domanda di assunzione e la invitiamo a presentarsi per un colloquio nei nostri uffici, in via Pascoli, 81, Milano, il 12 gennaio p.v. alle ore 17,30.

Il colloquio ha lo scopo di fornire a lei ulteriori informazioni sulla posizione vacante, e di avere, da parte nostra, maggiori informazioni sulla sua esperienza e le sue motivazioni a lavorare con noi.

L’incontro è previsto della durata di circa un’ora e vi parteciperà, oltre alla sottoscritta, anche il direttore della sezione giardini, sig. Tentoni. La prego di confermare l’appuntamento al più presto alla segreteria (Tel. 02 7492136).

Con i migliori saluti.

Franca Bianchini
Direzione del personale
Salva il documento (nella tua cartella) con il nome: Richiesta assunzione.
Cambia il carattere del documento portandolo a Comic Sans MS, dimensione 12.
Metti il nome del destinatario (sig. Aristide Belletti) e il suo indirizzo come campi per l’invio di lettere, col nome sulla prima riga, la via sulla seconda e la città sulla terza.
Metti in grassetto le tre righe dei campi d’indirizzo.
Metti la data 18 dicembre 2001 sotto i campi d’indirizzo, interponendo 2 righe vuote.
Giustifica la data sul lato destro della pagina.
Inserisci 4 righe vuote tra la data e l’oggetto della lettera.
Metti su una riga l’oggetto della lettera (Oggetto: Richiesta di ...) e dopo lascia una riga vuota.
Metti in grassetto l’oggetto della lettera.
Inizia un nuovo paragrafo dopo ogni fine periodo.
Metti su una riga separata la data dell’appuntamento: il 12 gennaio p. v. alle ore 17,30.
Metti in grassetto la data dell’appuntamento.
Centra la data.
Metti la frase Con i migliori saluti. Sotto il testo della lettera, interponendo tre righe vuote.
Cambia in Arial il tipo di caratteri della frase precedente.
Metti Franca Bianchini direttamente sotto la frase precedente.
Metti Direzione del personale sotto Franca Bianchini.
Crea il seguente piè di pagina: Allestimento giardini Tel. 02 7492136
Usa il controllo automatico dell’ortografia e fai le modifiche, se del caso.
Fai rientrare la prima riga di ogni paragrafo di 1 cm da sinistra.
Inserisci alla fine del documento una immagine prelevata da una raccolta di clipArt. Sistema il documento in modo che stia tutto su una pagina.
Stampa il documento.
Salva il documento e chiudi il programma di elaborazione testi.

APPROFONDIMENTI

WINDOWS XP  WINDOWS 7

FINE

Excel Windows 98 Word Access Windows XP PC Facile Extra